Cosa Mangiare A Catania: 10 Piatti Tipici Da Provare Assolutamente

Pubblicato da: BouncePubblicazione Aggiornato

Catania è una città pittoresca con un paesaggio dominato dal maestoso Monte Etna, il vulcano attivo più alto d'Europa, che ospita fertili fattorie e vigneti. La città è attualmente un importante centro politico, economico, artistico e culturale della Sicilia e lo è stata fin dal Rinascimento. Ma oltre alla sua storia affascinante e ai suoi bellissimi siti, la cucina catanese è anche l'invidia del Mediterraneo.

Non si può lasciare la città senza aver provato il miglior cibo di strada di Catania, tra cui gli arancini, disponibili in quasi tutti i caffè. È anche una festa per i sensi passeggiare nel mercato alimentare e del pesce, dove troverete diverse varietà di cibo, dalla carne alla griglia e arrosto a torte salate e tortini ripieni di ogni bontà, come prosciutto, pollo, uova e formaggio. Se volete provare qualcosa di nuovo, le carni d'asino e di cavallo sono tra le delizie tipiche della strada. Ma anche i ristoranti vegetariani di Catania offrono piacevoli sorprese, che completeranno la vostra esperienza culinaria.

Per quanto riguarda i dolci, questa città siciliana offre alcuni dei migliori dolci dell'isola, come i Bersaglieri e i Biscotti della Monaca. Questi sono solo alcuni dei gustosi biscotti tradizionali e vere e proprie gemme che racchiudono la bontà dei dolci catanesi.

Se avete intenzione di visitare la seconda città della Sicilia, che sia per lavoro o per svago, leggete questa guida, così da sapere in anticipo le specialità da non perdersi assolutamente a Catania. Esplorate il mercato del pesce e gli antichi ristoranti per assaggiare piatti deliziosi e prelibatezze locali. Anche se è possibile provare qualsiasi cucina siciliana anche al di fuori della regione, vale comunque la pena assaggiare i piatti tradizionali e gustare i sapori autentici in loco.

Dopo aver lasciato le vostre valigie al sicuro in un deposito bagagli a Catania, potrete iniziare il vostro tour gastronomico senza alcun peso.

Newsletter Banner

Hai una passione per gli sconti e i viaggi?

Iscriviti alla nostra newsletter e ottieni 10% di sconto sulla tua prossima prenotazione.

Pasta alla Norma

Se c'è un piatto unico da non perdere a Catania, è la pasta alla Norma. Un classico della cucina siciliana, la pasta alla Norma ha due ingredienti fondamentali: melanzane e basilico. Cuocete i cubetti di melanzana fino a una leggera doratura e fateli saltare in una salsa di pomodoro con la pasta. Completate con la ricotta salata e cospargete di basilico, per una maggiore freschezza. È possibile utilizzare qualsiasi formato di pasta, ma molti preferiscono i rigatoni o la calamarata, perché il loro centro cavo offre spazio per il sugo ricco e cremoso.

Ma... chi è Norma? La leggenda dell'origine della pasta risale a un compositore d'opera italiano del 19° secolo, Vincenzo Bellini. Dopo aver assaggiato la pasta, il commediografo Nino Martoglio esclamò: "Chista è 'na vera Norma!", cioè "Questa è una vera Norma". Da allora si chiama pasta alla Norma, in omaggio all'opera Norma di Bellini. A proposito, per saperne di più su Bellini, visitate il museo di Catania a lui dedicato, come indicato nella nostra guida ai musei.

Cartocciata

Sebbene la carne alla griglia sia il cibo di strada più tipico di Catania, la cartocciata è uno degli spuntini preferiti che si possono portare in giro mentre si esplora la città. Si tratta di una gustosa pasta ripiena di ogni ben di Dio, come prosciutto, mozzarella, olive o melanzane. La troverete probabilmente nella maggior parte delle bancarelle di street food, nei caffè, nelle panetterie, nei mercati alimentari e persino nei bar (consultate il nostro elenco di bar panoramici a Catania). È semplice da preparare e non richiede ingredienti complicati, motivo per cui è così facile trovarla a Catania e in tutta la Sicilia.

Visivamente, si presenta come un piccolo calzone, la cui pasta è ripiena dei più disparati ingredienti. Mentre la versione tradizionale contiene i componenti di base, ovvero pomodoro, prosciutto cotto e mozzarella, alcune varietà possono avere anche ingredienti aggiuntivi, come uova, melanzane fritte, salsicce, salumi, funghi, salame, e così via.

Polpette di cavallo

La carne di cavallo ha un ruolo fondamentale nella tradizione culinaria della regione. Ecco perché non si può passare dallo street food catanese senza provare un piatto a base di carne di cavallo. Uno dei piatti a base di carne di cavallo che dovete assaggiare assolutamente sono le polpette di cavallo. Si tratta di una rivisitazione delle classiche polpette italiane, ma con carne di cavallo al posto di quella di manzo, maiale o vitello.

Le polpette sono preparate con una combinazione di carne macinata, pangrattato, uova, prezzemolo, parmigiano, sale e pepe, e a volte viene aggiunta anche la scorza di limone. Le polpette possono essere cotte al forno, fritte, al sugo o grigliate all'interno di foglie di limone. È un alimento molto apprezzato, consumato come secondo piatto o, appunto, come spuntino.

Per servirle, si possono irrorare con una vinaigrette a base di olio d'oliva, sale, succo di limone, origano o prezzemolo, oppure si possono servire con salse o perfino metterle nel pane, per essere consumate in stile street food come panino.

Parmigiana di melanzane

La parmigiana di melanzane, o semplicemente parmigiana, è un piatto tradizionale italiano a base di melanzane fritte tagliate a fette sottili. Viene stratificata con salsa di pomodoro e formaggio, e poi cotta al forno. Come la maggior parte delle ricette, la parmigiana si è evoluta nel corso degli anni e può essere preparata con ingredienti aggiuntivi. Una versione prevede di friggere le melanzane e di disporle in una teglia strato per strato con basilico, formaggio e brodo di stufato o salsa di pomodoro e di lasciarle cuocere.

Ci sono stati molti dibattiti sull'origine di questo piatto. Tuttavia, la prima testimonianza storica si trova nel Cuoco Galante del 1733 di un cuoco pugliese, Vincenzo Corrado. Egli serviva le più importanti famiglie aristocratiche di Napoli del XVIII secolo. Al posto delle melanzane, però, Corrado usava le zucchine, le friggeva nello strutto e le condiva con burro e parmigiano prima di cuocerle in forno.

Arancini

La vostra avventura culinaria a Catania non sarà completa senza aver assaggiato gli arancini. Si tratta di una gustosa polpetta di riso fritta con vari ripieni, come prosciutto, formaggio e ragù. Sono disponibili anche versioni più creative per soddisfare ogni preferenza, come il pistacchio o il pesce spada. Lo si può trovare in molti stand di street food e mercati, tra cui lo Scirocco Sicilian Fish Lab, che offre alcune delle migliori esperienze gastronomiche della città.

Questo piatto è popolare nella Sicilia orientale per la sua forma a cono, che potrebbe essere ispirata all'Etna, l'enorme vulcano attivo che domina la città.

Tuttavia, ci sono state diverse affermazioni sulla sua origine. I palermitani sostengono che abbia un'origine antica e la chiamano arancina, al femminile, per la sua forma simile a un'arancia. I catanesi, invece, affermano che la sua origine appartenga a loro. Quindi, per non lasciare nessuno scontento, il termine arancino viene attribuito alla Sicilia catanese, mentre l'arancina a Palermo.

Arancini è la forma plurale del piatto. Questo termine è stato aggiunto anche all'Oxford English Dictionary. Ma a prescindere dal nome, questo piatto è una vera delizia, da provare assolutamente una volta a Catania.

Involtini di pesce spada

Catania si trova sulla costa orientale della regione, di fronte al Mar Ionio. Grazie alla sua posizione, la sua cucina si basa molto sul pesce. Per questo motivo, la città dispone di numerosi mercati e ristoranti di pesce che offrono autentici piatti a base di pesce, che ben si abbinano ai vini dell'Etna e ad altri cibi catanesi (gli appassionati di abbinamenti enogastronomici possono avventurarsi in una splendida giornata di degustazione di vini).

Uno di questi è l'involtino di pesce spada. Si tratta di sottili filetti di pesce spada impanati e farciti con combinazioni di erbe fresche, capperi, scorza di limone, ribes, pinoli e formaggio o uvetta. Gli involtini possono essere cotti in padella o alla griglia e abbinati a una salsa di salmoriglio a base di olio d'oliva o succo di limone. Si possono anche cuocere sul fuoco, per conferire al pesce un delizioso sapore di affumicato.

Gli involtini di pesce spada sono un perfetto piatto catanese che porta in tavola la tradizione e il sapore del mare siciliano. È gustoso e versatile e può essere cucinato secondo i propri gusti e preferenze.

Pasta con le sarde

Tra i primi piatti che meritano uno spazio sulla vostra tavola è la pasta con le sarde. Anche questa è una prelibatezza tradizionale siciliana che vi farà venire l'acquolina in bocca! Si tratta di una fusione alimentare, che mescola perfettamente la cucina araba e quella italiana. Anche se ci sono diverse teorie sulla sua origine, è probabile che sia un prodotto della dominazione islamica nel X secolo nel sud Italia. Le varietà di questo piatto sono comuni in molti ristoranti e trattorie di Catania.

Come suggerisce il nome, si tratta di una pasta con le sardine. Tuttavia, le sardine fresche non sono l'unico tipo di pesce che si può trovare nel piatto. Uno dei suoi ingredienti principali è l'acciuga, che eleva il sapore della salsa e ne rafforza il gusto di pesce. Sia le sardine che le acciughe sono pesci dal sapore forte e deciso, quindi trovare il pesce più fresco e di alta qualità è fondamentale per ottenere il gusto desiderato.

Se non avete accesso alle sardine fresche, potete usare quelle in scatola. Tritatele finemente e aggiungete contemporaneamente le acciughe. Durante la cottura, fate attenzione a non smuovere troppo il pesce, altrimenti si sfalderà. Condite il tutto con una spruzzata di succo di limone, aggiungete anche un po' di scorza e guarnite con pangrattato tostato.

Cannoli

Come gli arancini, anche i cannoli sono un piatto famoso in tutto il mondo, preparato da molti cuochi e cuoche di ogni paese. Ma se vi recate a Catania, partire senza aver provato questa specialità siciliana sarà un vero peccato. Questa forma di pasticceria è originaria dell'isola della Sicilia, ed è caratterizzata da cilindri di pasta fritta, poi riempiti con una crema dolce e vellutata, spesso a base di ricotta.

Sebbene non siano necessari grandi ingredienti per preparare questo delizioso spuntino, non è scontato non cadere in piccoli errori che portano ad un risultato indesiderato. Innanzitutto, è preferibile servirli freddi, per consentire al ripieno di impregnarsi nell'involucro croccante, pur mantenendo la sua forma. Se si riempiono i cilindri di pasta fritta troppo presto, assorbiranno rapidamente l'umidità del ripieno, lasciandoli molli e inzuppati.

Pertanto, lasciate il ripieno e la pasta separati fino al momento di servirli. Potete cospargere il ripieno esposto con pistacchi o gocce di cioccolato, per aggiungere dolcezza e croccantezza.

Minne di Sant'Agata

Dopo tutti i gustosi piatti principali, gli spuntini e lo street food, è il momento di assaggiare gli autentici dolci catanesi, come le minne di Sant'Agata. Si tratta di un dolce tradizionale, il cui nome potrà far sorridere: minne, infatti, significa seno. Potrà pure avere un nome e una forma buffi, ma la storia che c'è dietro e il suo gusto rimangono ineguagliabili.

Sant'Agata è la patrona della città di Catania, commemorata ogni anno con una delle più grandi processioni religiose del paese. Agata visse nel III secolo d.C., quando la regione faceva parte dell'Impero Romano. Visse con forza e devozione a Dio, rifiutando le avances di Quintain. Era disposta a rischiare la vita, rifiutandosi di soddisfare i desideri di un uomo potente.

Oggi, le minne di Sant'Agata sono disponibili tutto l'anno e si trovano nelle panetterie e nei caffè. Ha la forma di un seno con una glassa bianca e una ciliegia candita. Si possono trovare anche versioni ricoperte di marzapane e realizzate con pan di spagna imbevuto di liquore. Al posto della ricotta, sono ripiene di crema pasticcera.

Rame di Napoli

I più golosi ameranno le rame di Napoli. Sono biscotti morbidi e ricoperti di cioccolato, originari di Catania. Sono disponibili tutto l'anno, ma li vedrete subito ovunque durante la festa dei Morti, il 2 novembre.

Esistono diverse versioni del rame di Napoli, ma in genere sono preparati con un impasto di zucchero, farina, latte, cacao in polvere, uova, biscotti o biscotti sbriciolati, miele, burro, marmellata di arance e altro ancora. Una volta cotti, i biscotti vengono ricoperti con una combinazione di burro fuso e cioccolato fondente. Poi si possono guarnire con pistacchi o nocciole. Alcuni utilizzano anche marmellate di frutta, creme di nocciola o crema al pistacchio.

Specialità di Catania

Come in altre città siciliane, i piatti di Catania sono il risultato dell'intreccio di culture e dell'influenza di numerose tradizioni e popolazioni che hanno vissuto in Sicilia nel corso dei secoli. Che si preferisca il salato o il dolce, la sua cucina è varia e ricca, e c'è sempre un piatto che soddisfa anche i palati più raffinati.

Dopo tutte le prelibatezze mangiate nella vostra vacanza catanese, potreste aver bisogno di un modo per bruciare un po' di calorie. In questo caso, le migliori escursioni a Catania e i percorsi panoramici a piedi vi regaleranno esperienze impareggiabili. Ce ne sono per tutti i tipi di escursionisti e di livelli di forma fisica! In questo modo, potrete mangiare quanto vorrete senza sentirvi in colpa o preoccuparvi per le troppe calorie. Oppure, spostatevi a Siracusa e fatevi venire di nuovo l'appetito con una giro in barca o noleggiando una bicicletta.

Se questa nostra guida vi è stata d'aiuto e avete bisogno di altri consigli per organizzare la vostra vacanza catanese, date un'occhiata agli altri articoli che abbiamo preparato per voi:

Newsletter Banner

Hai una passione per gli sconti e i viaggi?

Iscriviti alla nostra newsletter e ottieni 10% di sconto sulla tua prossima prenotazione.

Ottieni l'applicazione
Bounce

Trova subito depositi nelle vicinanze per lasciare i tuoi bagagli ovunque tu vada.

Download